Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/news_piazza_siena/2019/KEN_FARRINGTON_SimoneFerraro-CONI_SFA_9784_copia.jpg

Il Trofeo Loro Piana allo statunitense Farrington

Il Premio n. 8 Trofeo Loro Piana (cat. mista, h. 150/155, 100.000 €), il Piccolo GP dello CSIO romano, è stata vinto dallo statunitense Kent Farrington in un barrage a cinque, a partecipazione ristretta dopo la severità del percorso base disegnato dallo chef de piste Uliano Vezzani. Farrington, che era in sella a Gazelle, sul successivo percorso ridotto a nove salti ha chiuso con 0 penalità in un fantastico 40”70, che non ha lasciato spazio allo svizzero Yannick Jorand, su Cipetto 2, secondo in 44”90, e all’azzurro Paolo Adorno, su Fer ZG, terzo in 45”19. Un errore e quindi 4 penalità invece per il tedesco Daniel Deusser, con Jasmien Vd Bisschop, e lo svizzero Martin Fuchs, con Silver Shine.

Un bacio alla moglie e al bimbo di qualche mese, suggella la straordinaria giornata di Paolo Adorno terzo: “Mamma mia che gioia immensa. Questa è una grande gara ragazzi e sono addirittura sul podio. Pazzesco. Nel barrage sapevo che bisognava andare velocissimi per vincere ma temevo di incappare nell’errore. Lo ammetto, ho puntato sul secondo netto e sono contento così. Fer ha nove anni, ha un cuore enorme e tanto coraggio, può solo migliorare ma ha bisogno di tempo e insieme lavoriamo benissimo. E’ nato un bel feeling merito proprio del suo carattere. Ora sono qualificato per il Gran Premio di domani ma non ci sarò. Non posso sottoporre Fer ad altri sforzi, oggi ha dato tutto, in una gara, ripeto, tecnicamente molto impegnativa”.

Ken Farrington ha aspettato e poi ha colpito in una gara importante. “Sì, oggi è andato tutto bene. Gazelle è una stupenda femmina di tredici anni e fare due netti non è da tutti. Nel barrage sapevo che dovevo prendermi dei rischi per vincere. Serviva un tempone ed è andata prorio come l’avevamo studiata. Il Gran Premio Roma? Quando si parte lo vogliamo vincere tutti”. Ph Simone Ferraro/CONI

Clicca qui per i risultati




Main Partner

Official Partner