Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

La via della luce che unisce arte ed equitazione a Piazza di Siena trova una sintesi anche nel leggendario Cavallo di Leonardo da Vinci, l'opera progettata dal genio fiorentino e realizzata fedelmente sui suoi disegni nel 1999 dalla scultrice Nina Akamu. Il Cavallo, una delle più grandi statue equestri mai realizzate, accoglie con tutto il suo imponente splendore i visitatori dell'Ippodromo Snai San Siro di Milano.

L'omaggio a Leonardo _ ulteriore traccia della 'Nouvelle' Piazza di Siena, impegnata non solo nello sport ma anche nella promozione e rivalutazione del patrimonio artistico romano _ è situato nei pressi dell’Ovale di Piazza di Siena a Villa Borghese dove sono state collocate le quattro riproduzioni in scala del monumento equestre. Quattro reintepretazioni di artisti italiani e internazionali inserite nel contesto del 'Leonardo Horse Project', un progetto di valorizzazione ideato e realizzato da Snaitech nell’ambito delle celebrazione per i 500 anni dalla scomparsa del genio italiano.

 LEONARDO HORSE PROJECT 1 LEONARDO HORSE PROJECT 2

Il designer Matteo Cibic realizza il suo progetto in una chiave ornamentale e minimalista. L’oro diviene l’elemento centrale di una decorazione che passa attraverso l’esaltazione di alcuni elementi, primo fra tutti la gorgiera che lo incorona.

Watching Into His Mouth è il claim che lo stilista Roberto Fragata utilizza per sottolineare, con vena lievemente dissacratoria, il rispetto con cui si è avvicinato al progetto, realizzando così un cavallo dalla livrea dorata e decorata da un neon fluorescente dalle tonalità pop.

horseproject4 leonardo project2

Elena Salmistraro e il suo Napayshni ci portano nella cultura dei nativi americani. La venerazione e il rispetto per il cavallo si traducono in una sorta di armatura magica. Il Cavallo di Leonardo diviene così il condottiero vincente, il protettore della comunità, il Cavallo tra i cavalli.

Il creativo Marcelo Burlon decide di trasformare la figura equestre in un altro animale, personalizzando la superficie che lo compone con colori accesi e forme lineari che lo ricoprono, includendo anche il basamento, in un richiamo al mondo della musica e della moda.

 

Main Partner

Official Partner